Bob Arum definisce stupidi i commenti di Vasiliy Lomachenko
Bob Arum delinea i piani per i prossimi big match della Boxe

Bob Arum definisce stupidi i commenti di Vasiliy Lomachenko

Il boss Top Rank si è espresso nei giorni scorsi relativamente ai commenti dell’ucraino alla sua seconda sconfitta in carriera subita da Teofimo Lopez

Bob Arum è sicuramente uno degli highlander della boxe moderna: classe 1931, laureato cum laude in legge ad Harvard e promoter attivo dagli anni 60, ha sempre dominato la scena della grande boxe nordamericana partecipando attivamente all’organizzazione di moltissimi match storici e accendendo rivalità storiche con diversi colleghi, come quella con Don King.

Insomma curriculum ed esperienza non gli mancano affatto, e neppure parlantina e schiettezza. Di recente, ad esempio, ha avuto modo di commentare l’ultima intervista di Vasiliy Lomachenko, in cui il fighter ucraino è ritornato sulla sua ultima sconfitta tirando in ballo l’operato dei giudici e l’infortunio alla spalla.

Le parole di Bob Arum

“Mi sembrano dei commenti stupidi, come quelli di Wilder dopo la sconfitta con Tyson Fury […] Tutti i giudici della serata sono persone qualificate ed esperte e tutti hanno visto che il match è stato chiaramente vinto da Teofimo Lopez […] Le sue parole sono fuori luogo e quando lo vedrò glielo dirò in faccia”

Polemiche a parte, ora per Bob Arum è tempo di tornare a fare il suo lavoro e cercare di capire quale sia il percorso migliore per il 2021 del vincitore del match “contestato”: Teofimo Lopez.

Le ipotesi sul tavolo

Tutti i fan vorrebbero un rematch con Loma, non è un segreto. “El Brooklyn”, invece, sembra deciso a difendere il suo titolo IBF contro l’australiano George Kambosos Jr. Questa scelta, per molti addetti ai lavori nordamericani, potrebbe essere il sintomo del fatto che Teofimo Lopez, dopo l’impresa, abbia iniziato a sedersi sugli allori.

Atteggiamento sempre molto rischioso per un fighter che però sembrerebbe confermato dal recente battibecco tra i Lopez ed Eddie Hearn, in cui i due hanno praticamente scartato l’offerta di un match con Devin Haney. Se, come diceva una canzone molto cara ai fan della noble art, è vero che è l’“eye of tiger” (l’occhio della tigre) quello che rende veramente vincente e pericoloso un fighter, forse noi e Bob Arum dovremmo iniziarci a preoccupare per il giovane talento USA, ma i tempi sembrano ancora molto acerbi per fare previsioni.

Quello che forse sarebbe piu’ saggio fare è, invece, stare a vedere cosa succede nei prossimi mesi perché la sensazione è quella che la categoria sia una vera bomba ad orologeria pronta ad esplodere con un match spacca botteghino da un momento all’altro.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI

Altre storie
Oscar Valdez vince il titolo WBC dei pesi superpiuma per KO
Oscar Valdez vince il titolo WBC dei pesi superpiuma per KO
Torna Su