Home MMA Brave CF 52 Milano: il resoconto della grande serata di fighting

Brave CF 52 Milano: il resoconto della grande serata di fighting

di Giovanni Besana

Brave CF 52 sbarca in Italia e regala una serata di grande spettacolo.

La promotion bahreinita è atterrata ieri sera alle porte di Milano grazie alla collaborazione con la promotion Italo-svizzera The Golden Cage. Una card veramente esplosiva con diversi fighter italiani e “made in italy” che hanno riportato risultati alterni in gabbia offrendo ai fan a casa uno show di assoluto livello internazionale che non ha tradito le aspettative.

La serata di Brave CF 52 si è svolta a porte chiuse in stile “Apex UFC” e trasmessa live per l’italia su GazzettaTV.

Brave CF 52: i risultati

Ahmed Labban (LIB) VS Virgiliu Frasineac (MOL)

Primo round di studio in cui Labban appare più mobile sulla gambe rispetto a un Frasineac un po’ contratto e inizia fin da subito a lavorare sulla gamba sinistra del fighter moldavo cresciuto in Italia che appare decisamente segnata.

Nel secondo round il match prosegue sullo stesso copione con Frasineac che non riesce ad arginare gli attacchi del libanese che mette a segno un ottimo destro aprendo una brutta ferita all’occhio destro dell’avversario che di lì a poco si arrende sotto i colpi di Labban.

Elias Boudegzdame (FRA) VS Brice Picaud (FRA)

Nel derby francese il giovane Picaud (all’esordio in Brave) appare fin dall’ingresso in sala molto volenteroso di impressionare il pubblico. Appena suona la campanella Picaud prova ad aggredire il più esperto avversario che però non si scompone minimamente e sfrutta l’irruenza di Picaud per finirlo con uno spettacolare triangolo di gambe.

Benoit St. Denis (FRA) VS Arkaitz Ramos (SPA)

Neanche il tempo di iniziare che il francese riesce subito a imporre la sua netta superiorità a terra e chiude agevolmente il match.

Gamzat Magomedov (RUS) vs Mochamed Machaev (AUT)

La card di Brave CF 52 inizia a entrare nel vivo ed ecco uno dei match più spettacolari della serata.

Il giovane e favorito Austriaco inizia forte e cerca subito di scambiare commettendo un grandissimo errore. Magomedov, infatti, è glaciale e non perdona incrociando bene le offensive dell’austriaco mettendolo a terra una prima volta. Machaev non molla e si rialza ma viene nuovamente punito in modo severo dal russo che mette fine al match.

Valeriu Mircea (MOL) VS Ayub Gaziev (AUS)

Altro match e altri fuochi d’artificio a Brave CF 52.

Gaziev inizia il match con un low kick insidioso, ma subito il fighter moldavo del team romano Aurora reagisce con decisione mettendo a segno un KO che vedremo per un po’ tra gli highlights della promotion del medio oriente.

Rustam Chsiev (RUS) VS Enrico Cortese (ITA)

Il match più atteso dai fan italiani inizia subito a 200 all’ora.

Chsiev è arrivato a Brave CF 52 Milano con intenzioni bellicose e si vede. Il russo, infatti, non si perde in convenevoli con il padrone di casa e prova da subito a fare male a Cortese che però si oppone come un vero leone. La forza fisica del fighter dell’Ossezia da bordo gabbia è impressionante, ma Enrico sopravvive a un primo round di fuoco riportando danni evidenti al braccio sinistro tanto da costringere il suo angolo a stoppare il match.

Mohamed Said Maalem (ALG-SVIZ) VS Mohammad Fakhreddine (LIB)

La serata di Brave CF 52 volge al termine con l’attesissimo main event valido per il titolo vacante light heavyweight.

Said Maalem e Fakhreddine non si amano e si vede. L’atmosfera a bordo gabbia è elettrica con il team dello sfidante svizzero-algerino a spingere il loro idolo verso l’impresa. Il primo round inizia con qualche secondo di studio in cui il campione libanese prova a fiaccare le gambe dello sfidante. Dopo i primi minuti di rodaggio, però, i due fighter iniziano a mettere le marce alte facendo andare i colpi. Proprio un incrocio è fatale a Fakhreddine che incontra un sinistro potentissimo di Said Maalem e finisce a terra per poi essere finito dall’algerino.

Fakhreddine a Brave CF 52 deve rinunciare al sogno di essere campione in due categorie, ma non senza polemiche. Il libanese, infatti, lamenta un colpo dietro la nuca di Said Maalem che in effetti sia dalle immagini che dal live è apparso abbastanza evidente, ma non segnalato dall’arbitro.

Il capitolo quindi non sembra definitivamente chiuso, ma solo il tempo ci dirà se, dopo le mille polemiche, la promotion vorrà concedere un rematch.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI

Brave CF 52 Milano: il resoconto della grande serata di fighting Brave CF 52 Milano: il resoconto della grande serata di fighting

Ti potrebbero interessare

Rispondi