Home MMABellator Chiara Penco è risultata positiva al coronavirus

Chiara Penco è risultata positiva al coronavirus

di Francesco Auletta

Chiara Penco (5-2-0) rappresenta l’Italia come fighter della categoria dei pesi paglia in Bellator MMA. L’atleta è stata protagonista di una buona prestazione a settembre, durante le tappe della promotion nel nostro paese.

Sfortunatamente, “Beasty Barbie” ha da poco riportato una brutta notizia riguardante la sua salute. Tramite delle stories caricate ieri su Instagram, la fighter ha dichiarato di essere risultata positiva al coronavirus.

La Penco ha dichiarato di essere risultata positiva giovedì e che ha preferito aspettare un paio di giorni prima di rendere pubblica questa situazione. Fortunatamente, l’italiana non ha avuto alcun sintomo grave.

“Giovedì sono risultata positiva al COVID. Ho aspettato un paio di giorni perché avevo il morale a pezzi. Principalmente sto bene, ho avuto un pochino di febbre e un po’ di calo di forze, ma niente di che.

Lo sospettavo già da cinque giorni, da quando mi sono messa in quarantena perché sono entrata a contatto con un positivo.

Non abbattiamoci. Aspetto di tornare ad allenarmi che è la cosa che mi manca di più.”

Il 2020 di Chiara Penco

Nonostante questo turbolento periodo, il 2020 è stato l’anno del debutto di Chiara Penco nella promotion di Scott Cocker.
A Bellator 240, la fighter ha perso il suo incontro di debutto contro Danni Neilan (3-0-0) per decisione unanime con il seguente punteggio: 30-27, 30-27, 29-28.

La Penco è riuscita a rifarsi a fine settembre, a Bellator Milano, quando ha sconfitto Aleksandra Toncheva (2-2-1) per TKO al secondo round, in seguito a una buona prestazione.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI 

Chiara Penco è risultata positiva al coronavirus Chiara Penco è risultata positiva al coronavirus

Ti potrebbero interessare

Rispondi