Cody Garbrandt torna in azione: riuscirà a tornare al top?

Cody Garbrandt torna in azione: riuscirà a tornare al top?

L'ex campione dei pesi gallo affronterà Rob Font questo sabato

Cody Garbrandt sta tornando. Dopo quasi un anno dal suo ultimo match a UFC 250, conclusosi con una spettacolare vittoria per KO ai danni di Raphael Assuncao, e dopo essere stato costretto a rinunciare alla propria chance titolata nei pesi mosca contro il temibile campione Deiveson Figueredo a causa di un infortunio, “No Love” farà il suo ritorno nell’ottagono più famoso del mondo.

Ad attenderlo sarà Rob Font (numero 3 del ranking), avversario molto ostico con 3 vittorie consecutive all’attivo. La sua ultima vittima è Marlon Moraes, ex contendente al titolo sconfitto per KO al primo round. Font rappresenta quindi una sfida di alto livello per l’ex campione, che ha appunto come obiettivo quello di riconquistare la cintura dei pesi gallo che fu sua nel 2016.

L’ascesa e la conquista del titolo mondiale di Cody Garbrandt

Si può indicare proprio il biennio tra il 2016 e il 2017 quando si parla dell’apice della sua carriera.

Dopo aver esordito in UFC nel 2014 con un record di 5-0, Cody riesce a portarsi ad un perfetto 10-0 vincendo 5 match di fila, di cui 4 per KO. Aa questo punto, a soli 25 anni, gli viene concesso l’incontro per il titolo contro il campione Dominick Cruz.

Le provocazioni sono tante, tra i due volano parole grosse, ma a UFC 207, nel momento in cui la gabbia si chiude, Garbrandt offre una delle prestazioni più iconiche nella storia della promotion: le sue movenze e la sua elusività, unite ad una spettacolare precisione e potenza nei colpi, gli permettono di avere la meglio sul campione (come nessuno aveva mai fatto), mandandolo al tappeto per ben 3 volte e vincendo il match e la cintura per decisione unanime (48-46, 48-46, 48-47).

L’improvvisa serie di sconfitte

L’incontro con Cruz risulta ad oggi il picco massimo della sua carriera, seguito poi da una brusca discesa. Infatti, il match successivo di UFC 217, di novembre 2017, vede Cody Garbrandt contrapposto a TJ Dillashaw, ex compagno di squadra e coach rivslr nel reality The Ultimate Fighter.

La tensione tra i due è tanta: alla fine Dillashaw lo manda KO al secondo round, infliggendogli la sua prima sconfitta in carriera. Viene poi organizzato un rematch per UFC 227, nel marzo del 2019 , ma TJ manda KO un’altra volta, stavolta al primo round.

L’aggressività e l’istinto killer di Garbrandt, che tanto lo avevano contraddistinto nella sua rincorsa al titolo, iniziano a ritorcersi contro di lui: il suo stile “dai e prendi”, che lo porta a cercare di colpire l’avversario senza sosta e con ferocia, incurante dei colpi subiti, lo condanna a perdere, oltre alla cintura, anche il terzo match consecutivo per KO, stavolta contro il potente Pedro Munhoz.

In uno dei suoi momenti di maggior aggressività, Cody decide di scambiare a viso aperto e viene colpito da un tremendo gancio destro che lo manda al tappeto. Dopo ben 3 sconfitte consecutive, la sua carriera sembra aver preso una brutta piega. Urge una svolta.

UFC 250: Cody Garbrandt torna a vincere

Dopo quasi un anno dalla sconfitta contro Munhoz, l’ex campione è tornato a combattere in un match contro Raphael Assuncao, mostrando quelli che sembrerebbero essere i giusti accorgimenti e vincendo con un KO iconico.

La domanda è chiara: riuscirà Cody a tornare ad essere lo stesso fighter che annichilì Dominick Cruz?

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI

Altre storie
Dana White: le perdite della UFC durante la pandemia
Dana White: le perdite della UFC durante la pandemia
Torna Su