Confronti tra GOAT: Jones e Khabib
Confronti tra GOAT: Jones e Khabib

Confronti tra GOAT: Jones e Khabib

Numeri e altro...

Iniziamo questa serie di confronti tra i nomi papabili al titolo astratto di GOAT (Greatest of all time) che tanto piace agli americani così come ormai piace anche a noi. Il primo confronto sarà tra gli attuali primi due nel ranking p4p UFC. Sono l’ex campione dei massimi leggeri Jon Jones e il campione dei pesi leggeri Khabib Nurmagomedov. Andremo a vedere perché uno è considerato migliore dell’altro e cosa possono fare per consolidare la propria posizione.

Longevità

Essa è sicuramente una delle caratteristiche più importanti per considerare un lottatore in un discorso tra GOAT. Tutti e due hanno fatto il loro debutto nelle MMA nel lontano 2008 con la differenza che Jones è entrato nella promotion numero uno nello stesso anno, mentre Khabib nel 2012.

Entrambi hanno disputato 28 match da professionisti nelle MMA, ma la differenza è dove si sono disputati questi match. Jon Jones ha combattuto ben 22 match in UFC (20-1-1 il record) conditi da 15 match titolati. Khabib di incontri nell’organizzazione statunitense ne ha disputati 12 di cui tre con in palio la cintura.

Questo punto è a favore di Jones.

Avversari incontrati

Mi rendo conto che questo punto potrebbe risultare opinabile per alcuni, ma ci tengo a dire la mia. Jones nella sua lunga carriera in UFC ha iniziato ad incontrare combattenti forti da quando sfidò Ryan Bader ottenendo la title shot per il titolo dei massimi leggeri. Nell’ordine poi ha affrontato: Shogun Rua, Rampage, Machida, Evans, Belfort, Sonnen, Gustafsson, Teixeira, Cormier, Saint Preux, Gustafsson, Smith, Santos e Reyes. Quanti di questi non sono veramente dei top fighter? Possiamo togliere Teixeira (anche se si presentò come imbattuto da nove anni), Saint Preux e Anthony Smith. Rimangono addirittura 11 fighter di alto livello affrontati e sconfitti.

I primi test difficili per Khabib sono iniziati da quando ha battuto Rafael Dos Anjos. Dopodiché ha condiviso l’ottagono con; Darrel Horcher, Michael Johnson, Edson Barboza, Al Iaquinta, Conor McGregor e Dustin Poirier. Togliendo il buon Horcher, che non è al livello degli altri, sono 6 fighter di alto livello affrontati e sconfitti. La metà di Jones.

Doping

Ecco un enorme punto a sfavore di Jones. Più volte ha fallito i test antidoping andando vicino ad essere radiato dall’organizzazione. Lungi da me affermare se ha pagato le conseguenze, ma sta di fatto che senza doping (o almeno stando ai dati riportati da UFC), Jones ha comunque distrutto tutti quanti. Non sappiamo se faceva uso di sostanze anche prima dell’avvento diell’USADA. La logica ci dice di sì, ma rimanendo con i dati che abbiamo, Jones ha battuto i vari Machida, Belfort, Gustafsson e molti altri senza violare le norme antidoping.

Su Khabib invece qui non si può dire nulla. Mai un sospetto di doping, mai una mezza notizia riguardante delle sostanze illecite.

Dominio

Per dominio intendo il modo di come questi due mostri sacri sconfiggono gli avversari. Di Khabib lo sappiamo, piega gli avversari sfruttando il suo punto di forza: il grappling. L’abbiamo anche visto scambiare in piedi con atleti come Al Iaquinta e soprattutto con Conor, ma alla fine il copione è sempre lo stesso: pressione, takedown, lavoro a parete e furioso ground and pound (per farla breve). Tutti lo sanno, ma nessuno è riuscito a limitarlo. Khabib semplicemente ha massacrato ogni avversario affrontato. Su quasi 60 round disputati nella sua carriera, ne ha perso soltanto uno secondo i giudici (il terzo contro McGregor).

Jones invece rappresenta probabilmente il massimo della completezza nelle MMA. Abbiamo visto battere avversari con lo striking (Gustafsson, Teixeira, Machida ecc ecc), con la lotta (Gustafsson, Cormier nel primo match, Sonnen), e con le sottomissioni (Belfort, Rampage). Ma in assoluto l’aspetto che sorprende di più di “Bones” è il voler battere il proprio avversario nel suo punto di forza. Avete capito bene, è come se Khabib domani decidesse di affrontare Conor McGregor solo e soltanto nello striking, sfidare Barboza a colpi di low kick.

Jon Jones ha deciso prediligere la lotta (vincendo) in diversi round nel gennaio 2015 contro uno dei migliori specialisti in essa: Daniel Cormier. Oppure contro Belfort, dove quest’ultimo nel primo round gli ha quasi rotto il braccio, ha scelto comunque di lanciarsi nella guardia del brasiliano trovando alla fine la sottomissione vincente. Un caso recente è stato il match (vinto questa volta per split decision) contro Thiago Santos sfidandolo dove? Nella Muay Thai! Un altro esempio è il primo match contro Alexander Gustafsson dove ha insistito sempre a combattere in piedi mettendo in piedi uno dei match più belli di sempre (nel rematch però scelse saggiamente di sfruttare il suo wrestling chiudendo la contesa in pochi round).

Giudicate voi se è più difficile battere un avversario sfruttando il tuo punto di forza oppure se è preferibile sfidarlo nella specialità dell’altro.

Cosa possono fare per consolidare la propria posizione di GOAT?

Per Jones, oltre a rimanere pulito, sicuramente la sfida è quella di salire nei pesi massimi così come ha affermato lui stesso. Miocic, Ngannou e perché no, il suo più grande rivale Daniel Cormier, sono lì ad aspettarlo. A 205 libbre ormai non ha più nulla da dire e abbiamo visto che, se non stimolato da grandi sfide, tende a sottovalutare l’avversario rischiando la sconfitta (gli ultimi due incontri potevano andare benissimo anche agli avversari)

Khabib invece ha bisogno di continuare a dominare i suoi avversari cercando il meglio che la divisione a 155 libbre possa offrire. Justin Gaethje e Tony Ferguson sono un banco di prova ideale, rappresentano quei nomi che potranno elevarlo ancora di più in cima in questo sport. E poi, perché no, la tanto agognata sfida contro George St Pierre, e magari una vittoria del titolo dei pesi welter, potranno mettere un punto esclamativo su questo tema.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI

Altre storie
Fabio Turchi vs Nikolajs Grisunins Streaming e dove vederlo
Fabio Turchi vs Nikolajs Grisunins Streaming e dove vederlo
Torna Su