Javier Mendez parla del futuro di Khabib Nurmagomedov

Javier Mendez parla del futuro di Khabib Nurmagomedov

l'allenatore di Khabib Nurmagomedov pensa che il daghestano ritornerebbe solo per affrontare GSP

Javier Mendez (allenatore di Khabib Nurmagomedov all’American Kickboxing Academy) durante un’intervista a “MMA Junkie” si è espresso sul futuro del daghestano, dichiarando che il ritorno di “The Eagle” non dipende da una questione di soldi ma è legato al fatto che non ha più stimoli dovuti alla mancanza di avversari e la possibilità di rivedere sull’ottagono Khabib dipende anche dall’approvazione della madre, a cui aveva promesso di non combattere più dopo la morte del padre.

Le dichiarazioni di Javier Mendez

L’allenatore di Khabib chiarisce che il ritorno di “The Eagle” non è legato ai soldi che è disposto a mettere sul piatto Dana White, ma da una questione di motivazione personale:

“È per la legacy, il piano del padre non era altro che questo. Non si tratta di soldi, ne ha abbastanza. Non deve più preoccuparsi di non poter riuscire a sostenere la sua famiglia. Sta bene”.

Mendez crede che un combattimento contro l’ex campione dei pesi welter e dei pesi medi UFC Georges St-Pierre potrebbe essere il trucco per farlo ritornare, ma anche in questo caso, pensa che non sia abbastanza per invogliare Nurmagomedov a tornare:

“Tutto è possibile, ma deve essere per il match giusto”, ha spiegato Javier Mendez. “Ho fatto un’intervista e durante la conversazione mi hanno detto che GSP e lui si erano messi d’accordo per combattere. E io: ‘Cosa? Ok’.

Come ho detto, c’è una buona possibilità che parli con sua madre e che lei possa dargli l’approvazione, ma fino ad allora un il match con St-Pierre non penso che sia mai stato messo sul tavolo, anche se Kenny Florian e Jon Anik hanno detto che avrebbero combattuto. Ma questo è tutto quello che so, non ho sentito nient’altro, non so se loro hanno più informazioni di me”.

Javier Mendez sostiene che il match contro GSP sarebbe l’unico che potrebbe far aumentare la legacy di Khabib Nurmagomedov, anche perché, dopo l’ultima sconfitta di Conor McGregor, l’irlandese è stato tagliato fuori:

“Per me, dovrebbe essere la figura di GSP”, ha detto Mendez. “Non credo che una vittoria con qualcun altro aggiungerebbe qualcosa alla carriera di Khabib. Se Conor (McGregor) avesse vinto il suo ultimo combattimento e Dana fosse stato in grado di attirarli, e anche Conor fosse stato capace di farlo, allora forse, forse avremmo visto qualcosa”.

Infine l’allenatore di Khabib Nurmagomedov ha chiarito che il daghestano non salirà mai a 170 lb:

“Non ha mai discusso di salire a un altro peso, non ha mai parlato di alcun desiderio. Ha sempre detto: ‘Sono un peso leggero, allenatore, e io resto nei lightweight.’

Sulla base di tutti gli anni in cui gli ho parlato, il titolo dei pesi welter è sempre stato fuori discussione. L’unica cosa a cui riesco a pensare, sarebbe che GSP e lui si sfidassero a 165 lb per un nuovo titolo. E penso che sia necessario perché tra i 155 e la divisione dei pesi welter c’è un divario piuttosto grande”.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI

Altre storie
Venator FC 7: card, streaming e dove vederlo
Venator FC 7: card, streaming e dove vederlo
Torna Su