Home MMA Khamzat Chimaev provoca su Twitter Covington

Khamzat Chimaev provoca su Twitter Covington

Parole pesanti quelle scritte da Khamzat Chimaev

di Alberto Ciccarè

Khamzat Chimaev è senza ombra di dubbio uno degli astri nascenti della federazione con base a Las Vegas e, grazie alla vittoria per sottomissione ottenuta al primo round contro Li Jingliang in quel di UFC 267, ha attirato su di sé l’attenzione di molti colleghi. L’atleta con cittadinanza svedese dopo i tanti nomi circolati negli ultimi giorni ha sfidato apertamente Colby Covington con una serie di messaggi pubblicati sul suo account ufficiale di Twitter.

Khamzat Chimaev lancia la sfida

“Borz” ha voluto gettare il guanto di sfida con una serie di tweet che non lasciano spazio a fraintendimenti. Di seguito verrà riportato il tutto:

Khamzat Chimaev provoca su Twitter Covington“Andiamo p*****a combatti con me Colby Covington. Mi prenderò il tuo cuore” Ha scritto Khamzat Chimaev in un primo tweet.

Khamzat Chimaev provoca su Twitter Covington“Chiama la polizia, sto arrivando Colby” Ha proseguito.

Khamzat Chimaev provoca su Twitter CovingtonTu non rappresenti gli USA, io rappresento gli USA. Tu rappresenti la codardia” Ha concluso.

The Shield Of Wrestling è anche su carta stampata! Puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine, CLICCANDO QUI.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI

Khamzat Chimaev provoca su Twitter Covington Khamzat Chimaev provoca su Twitter Covington

Ti potrebbero interessare

2 commenti

Khamzat Chimaev provoca su Twitter Covington 30 Novembre 2021 - 17:23

[…] Dal nostro partner: FIGHT […]

Rispondi
Tony Ferguson attacca Khamzat Chimaev sui social media 1 Dicembre 2021 - 13:44

[…] Tony Ferguson ha recentemente risposto a uno degli ultimi tweet di Khamzat Chimaev, nel quale quest’ultimo provoca Colby Covington. […]

Rispondi

Rispondi