Lotta greca-romana: dove sono ora le medaglie di Rio 2016?
Lotta greca-romana: dove sono ora le medaglie di Rio 2016?

Lotta greco-romana: dove sono ora le medaglie di Rio 2016?

Ecco dove sono ora gli atleti vincenti alle Olimpiadi di Rio 2016

Dopo aver parlato dei campioni di lotta libera maschile e femminile delle Olimpiadi di Rio De Janeiro del 2016, parliamo ora di quelli del terzo stile di lotta olimpica: il greco-romano.

Lo stile greco-romano è nato in Italia nel XIX secolo e ha una struttura ben diversa dallo stile libero: non si possono eseguire tecniche di ribaltamento e atterramento che prevedano azioni sulle gambe. Detto ciò, scopriamo che fine hanno fatto gli atleti di questo stile di lotta che sono uscito dalle Olimpiadi del 2016 con una medaglia al collo.

59 kg

Oro: Ismael Borrero-Molina è rimasto inattivo per tutto il 2017, tornando poi a competere nel 2018 con un peso di 67 kg. Ai campionati mondiali di quell’anno si è classificato diciottesimo, ma l’anno successivo è riuscito a vincere il titolo mondiale. È riuscito inoltre a vincere gli ultimi tre campionati panamericani, inclusi quelli di quest’anno.

Argento: Shinobu Ota ha avuto un 2017 fenomenale con un paio di tornei vinti, nonostante non sia riuscito a partecipare ai campionati mondiali. Nel 2018, con un peso di 60 kg, è arrivato nono ai mondiali. Nel 2019, giungendo ai 63 kg, ha vinto il suo primo titolo mondiale in carriera. Il 2018 è stato l’unico di questi quattro anni in cui Ota ha lottato nei campionati continentali, riuscendo a vincere l’oro sia nei campionati asiatici che nei giochi asiatici.

Bronzo: Stig Andre Berge ha lottato frequentemente dopo le Olimpiadi di Rio 2016, senza però arrivare a lottare per le medaglie ai mondiali. Ha trovato fortuna con un paio di argenti agli europei del 2017 e del 2018. Nel 2019 ha vinto un titolo ai Thor Masters, mentre in questo gennaio è giunto quinto agli europei.

Bronzo: Elmurat Tasmuradov ha lottato con un peso di 66 kg, ma non è riuscito a raggiungere la zona medaglie ai mondiali di quell’anno. Nel 2018, dopo aver vinto l’oro ai campionati asiatici, con un peso di 63 kg, è riuscito a lottare nelle finali dei mondiali. Nel 2019 è sceso di peso a 60 kg, perdendo il match per il bronzo all’evento Nur-Sultan. A inizio 2020, con 63 kg, Tasmuradov ha vinto i campionati asiatici.

66 kg

Oro: Davor Stefanek non è stato molto attivo in seguito alle Olimpiadi del 2016. Tuttavia, vanta di un argento ai mondiali del 2018, nei quali ha lottato con 67 kg. A inizio 2020 ha lottato con 72 kg e si è classificato dodicesimo agli europei.

Argento: Migran Arutyunyan non ha più preso parte alle competizioni di lotta in seguito alle Olimpiadi. Questo perché è passato a competere nelle MMA.

Bronzo: Rasul Chunayev è passato ai 71 kg in vista dei mondiali del 2017, nei quali è giunto settimo. L’anno successivo è riuscito a portare a casa il bronzo mondiale, mentre nel 2019 è giunto quindicesimo con un peso di 67 kg.

Bronzo: Shmagi Bolkvadze è riuscito a catturare il bronzo olimpico a 22 anni. L’anno successivo ha vinto il titolo mondiale nei campionati U23. È riuscito a prendere parte ai campionati mondiali di categoria Senior, ma non è mai riuscito a raggiungere la Top 10.

75 kg

Oro: Roman Vlasov non ha più vinto una medaglia di valore mondiale, dopo le Olimpiadi del 2016. Non ha più avuto enormi successi come gli anni precedenti, ma ha vinto un paio di ori agli europei e ai campionati nazionali.

Argento: Mark Madsen è passato agli 80 kg in vista dei campionati mondiali 2017, dove è giunto diciassettesimo. “The Olympian” è ora, a tutti gli effetti, un MMA fighter e vanta di un record di dieci vittorie e zero sconfitte. Le sue ultime due vittorie sono avvenute in UFC, dove è ufficialmente passato alla categoria dei pesi mediomassimi.

Bronzo: Saeid Abdvali è andato abbastanza bene dopo le Olimpiadi di Rio. Negli ultimi tre campionati mondiali, è sempre arrivato a lottare per una medaglia, vincendone due di bronzo.
Agli ultimi due mondiali, inoltre, ha lottato con 82 kg. Nel 2019 ha vinto i campionati asiatici.

Bronzo: Hyeon-Woo Kim è riuscito a vincere un altro bronzo internazionale ai mondiali del 2018. Nel 2019, sebbene non abbia avuto successo nei mondiali, ha vinto i campionati asiatici, il City of Sassari un paio di bronzi ai Grand Prix d’Ungheria e di Zagreb.

85 kg

Oro: Davit Chakvetadze ha in seguito lottato per il bronzo ai mondiali, senza però vincerlo. Non ha più preso parte a competizioni internazionali, ma è stato finalista ai campionati russi del 2018 e ha poi vinto un evento nel 2019.

Argento: Zhan Belenyuk è riuscito a vincere nuovamente l’argento ai mondiali del 2018. Nel 2019 ha avuto molto successo vincendo i giochi europei, i campionati europei e un oro ai campionati mondiali.

Bronzo: Denis Kudla ha vinto il bronzo olimpico a 21 anni. Nei mondiali del 2017 ha vinto la medaglia d’argento, mentre in quelli del 2019 ha ottenuto il bronzo. Negli ultimi due europei è riuscito a vincere il bronzo.

Bronzo: Javid Hamzatau è passato alla classe dei 97 kg ma, in vista dei mondiali del 2017, è tornato agli 85 kg. Non ha avuto successo, giungendo ventisettesimo. Da allora non ha più preso parte alle competizioni internazionali e ha lottato spordicamente nella classe dei 97 kg.

98 kg

Oro: Artur Aleksanyan ha vinto i campionati mondiali del 2017, conquistando il suo quarto oro internazionale. Nel 2019, con 97 kg, ha vinto il bronzo all’evento Nur-Sultan. L’orso bianco armeno, a febbraio, è riuscito a vincere i campionati europei per la quinta volta.

Argento: Yasmany Lugo-Cabrera non ha più preso parte a competizioni internazionali dopo le Olimpiadi. All’inizio del 2018, il cubano ha lottato in un paio di tornei nei 130 kg ma, in vista dei giochi centroamericani e caraibici, è sceso ai 97 kg.

Bronzo: Cenk Ildem ha avuto risultati solidi ma non molto rilevanti nel 2017 e nel 2018. Il 2019 è stato un ottimo anno per lui, vincendo il bronzo sia agli europei che ai mondiali.

Bronzo: Ghasem Rezaei non ha più lottato dopo le Olimpiadi. Ora ha quasi 35 anni e, molto probabilmente, si è ritirato.

130 kg

Oro: Mijain Lopez ha catturato il suo terzo oro olimpico a Rio e da allora è riconosciuto come uno dei più grandi atleti di lotta greco-romana di tutti i tempi. Non ha più preso parte alle competizioni mondiali da allora.
Inizialmente ha affermato di voler ritirarsi dopo le Olimpiadi di Tokyo ma, visto il postocipo, ha detto che è disposto ad aspettare un altro anno prima di vincere un altro oro mondiale e appendere gli stivali al chiodo a 38 anni.

Argento: Riza Kayaalp ha dominato la divisione dei 130 kg con l’assenza di Lopez nelle ultime tre edizioni dei campionati mondiali, vincendo titoli mondiali nel 2017 e nel 2019.

Bronzo: Sergey Semenov ha vinto il bronzo olimpico a 21 anni. Nel 2017 ha vinto i mondiali U23 e, nel 2018, il suo primo titolo mondiale di categoria Senior. L’anno scorso, è giunto diciassettesimo ai mondiali.

Bronzo: Sabah Shariati si è classificato sedicesimo e quattordicesimo rispettivamente ai mondiali del 2017 e del 2018. Nel 2020 ha vinto l’Henri Deglane ed è giunto ottavo ai campionati europei.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store e iscrivendoti al nostro canale Telegram!

Altre storie
Carlos Takam sconfigge Jerry Forrest
Carlos Takam sconfigge Jerry Forrest
Torna Su