Marvin Vettori può battere Israel Adesanya

Marvin Vettori può battere Israel Adesanya

Marvin Vettori pronto ad entrare nella storia

Marvin Vettori vs Israel Adesanya: si avvicina sempre di più il giorno che tutti i fan Italiani delle MMA hanno sempre sognato. Per la prima volta nella storia della UFC un combattente Italiano avrà l’occasione di vincere il titolo.
Vettori è entrato nell’organizzazione più importante al mondo delle MMA in un momento storico in cui entrare in UFC veniva considerato solamente un sogno e ora, dopo cinque anni, abbiamo persino un fighter pronto a strappare la cintura.

Ma bando alle ciance e veniamo subito al punto: Marvin Vettori può battere Israel Adesanya? Analizziamo una serie di caratteristiche per cui “The Italian Dream” può mettere in seria difficoltà il campione.

Marvin Vettori vs Israel Adesanya: l’analisi

Per quanto riguarda lo striking va bene, non sarà mai tecnicamente come l’atleta Nigeriano, che può vantare un’esperienza molto importante nella kick, ma Vettori si è sempre contraddistinto nella divisione dei pesi medi per possedere un ritmo molto elevato per la categoria. Ad esempio, l’italiano contro Hermansson ha registrato il maggior numero di colpi nella storia della divisione.

Il jab sinistro di Vettori è una delle armi più efficaci che possiede in piedi, tanto da sembrare un diretto per quanto potente. Un altro aspetto molto sottovalutato del nostro combattente è l’abilità nello schivare i colpi. Marvin subisce veramente pochi attacchi e in più può vantare di una mascella molto resistente come dimostrato con Akhmedov e Hermansson.
Come non citare anche il cardio? Marvin è passato dai primi match in UFC dove calavano le energie col passare dei minuti, ad ora dove spesso sono proprio gli ultimi round ad essere le sue migliori riprese.

Passando per gli altri aspetti del combattimento, è evidente come abbia un grande vantaggio nel grappling rispetto al campione. Vettori da sempre è ritenuto un lottatore di grandissimo livello (forte della sua esperienza da giovane in Inghilterra) e lo ha mostrato nei vari incontri sottomettendo più volte cinture nere di BJJ. Inoltre, questo è un tallone d’Achille per Adesanya. Il Nigeriano si era sempre difeso bene dai tentativi di takedown, ma nell’ultimo incontro con Blachowicz si è notato come, una volta portato al suolo, non si comporta così bene. Su questo Marvin potrà dire la sua anche perché nel primo match tra i due, avvenuto il 14 aprile 2018, Vettori è riuscito a portarlo a terra nel terzo round, ripresa che poi si è aggiudicato.

Mentalmente, Marvin Vettori si è sempre mostrato estremamente sicuro di sé anche quando nel periodo di inattività (per via di una squalifica poi annullata) si è sempre proclamato come il migliore al mondo seppure non fosse presente minimamente nei ranking UFC. Da segnalare inoltre una voglia di rivalsa, di vendetta verso Adesanya per quel match di tre anni fa e anche per tutte le frecciatine che ha lanciato il campione, tra cui una frase di Israel che Marvin cita spesso “Disse che non lo avrei mai più riaffrontato in una gabbia”, eppure ora, a distanza di tre anni, Marvin Vettori è pronto a prendersi la sua rivincita, è pronto a conquistare il titolo UFC ed è pronto ad entrare nella storia.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI

Altre storie
Esports Boxing Club presentato in anteprima all’E3
Esports Boxing Club presentato in anteprima all’E3
Torna Su