Home Boxe Matteo Signani: Sono pronto per affrontare Diaz e batterlo

Matteo Signani: Sono pronto per affrontare Diaz e batterlo

Il campione europeo confida nella riuscita della sua seconda difesa titolata

di Francesco Auletta

Matteo Signani si mostra sicuro di sé in vista del suo match con Ruben Diaz in programma per il 5 novembre, nel quale difenderà il titolo europeo.

“Il Giaguaro” combatterà contro lo spagnolo nel main event della Roma Boxing Night organizzata da Matchroom Boxing in collaborazione con OPI Since 82, a più di un anno dal suo incontro in Francia contro Maxime Beaussire.
La card vedrà in azione anche italiani del calibro di Forte, Grandelli e Natalizi.

In una recente intervista, riportata tramite comunicato dell’ufficio stampa PBE, Matteo Signani ha parlato dei suoi allenamenti, dei suoi punti di riferimento e del match di settimana prossima, confidando che riuscirà a difendere nuovamente il suo titolo europeo dei pesi medi.

La locandina ufficiale dell'evento con protagonisti Matteo Signani e Ruben Diaz

La locandina ufficiale dell’evento con protagonisti Matteo Signani e Ruben Diaz

Le parole del campione europeo Matteo Signani

“Il Giaguaro” ha rivelato che si allena sempre a Rimini, ma che ora si trova in Germania per fare sparring con altri pugili. Inoltre si sente sicuro di dare il meglio di sé per battere l’ex campione dell’Unione Europea.

“Mi alleno sempre alla palestra Ring Side Boxe di Rimini con il maestro Gian Maria Morelli e con Daniel Scarpellini che la sera del combattimento all’angolo mi farà anche da cutman. Sono con loro da sempre e squadra che vince non si cambia. In questo momento, siamo a Norimberga, in Germania. Volevo fare un’esperienza all’estero per fare sparring con pugili nuovi. La palestra è piena di pugili professionisti e questo mi torna utile per un combattimento importante come la difesa del titolo europeo.

Sono prontissimo per affrontare Ruben Diaz e batterlo!”

In caso di vittoria, Matteo Signani potrebbe difendere per la terza volta il titolo europeo, oppure puntare a titoli intercontinentali e internazionali. Il pugile romagnolo intende procedere con calma, anche se sogna di diventare un giorno campione del mondo.

Successivamente, Signani ha parlato del suo stile di combattimento e dei grandi pugili che ha come punti di riferimento per la sua carriera.

“Mi considero un pugile completo: un tecnico che sa vincere anche prima del limite. Non mi alleno per mettere knock out l’avversario, ma se quest’ultimo abbassa la guardia non mi lascio sfuggire l’occasione di colpirlo.

Fin dall’inizio della mia attività pugilistica, ho ammirato Marvin Hagler, Carlos Monzon e Manny Pacquiao.”

The Shield Of Wrestling è anche su carta stampata! Puoi trovare tutti i numeri di TSOW Magazine, CLICCANDO QUI.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI

Marvin Vettori: Adesanya non è stato migliore di meMarvin Vettori: Adesanya non è stato migliore di me

Ti potrebbero interessare

Rispondi