Home Interviste Mohammed Walid: intervista dopo la vittoria a The Golden Cage 3

Mohammed Walid: intervista dopo la vittoria a The Golden Cage 3

di Francesco Auletta

Mohammed Walid ha preso parte all’evento The Golden Cage 3 di due giorni fa, nonché il primo evento italiano di MMA ad essere trasmesso su UFC Fight Pass. Il fighter curdo ha archiviato la sua terza vittoria in pro dopo aver sottomesso Fabio De Luca con la Guillotine Choke al primo round.

“No Mercy” è stato uno dei protagonisti della serata per via della sua ottima prestazione, ma è stato anche autore di una piccola controversia al termine della contesa, quando un calcio ha spinto l’avversario dopo averlo sottomesso. Ciò ha generato un po’ di discussioni sia dentro che fuori l’ottagono di TGC 3, nonostante egli abbia ammesso che è stato un gesto del tutto involontario.

“Ciao a tutti, vorrei spiegare cosa è successo dopo l’incontro. E’ stato un momento assurdo e ho fatto un errore, non sono quel tipo di persona. Mi scuso per quanto è successo, mio padre mi ucciderà quando sarò tornato a casa. Profondo rispetto per il mio avversario, è stato un onore condividere la gabbia con te, amico mio.”

Walid ci ha concesso un’intervista a proposito del suo recente trionfo e su cosa ha in serbo il futuro prossimo per lui.

Mohammed Walid: intervistiamo il prospetto iracheno

Quella di TGC 3 è stata la tua terza vittoria in pro e la terza per sottomissione, segno che questa è la tua specialità. Continuerai a procedere in questo modo o punterai a progredire nello striking per ottenere anche vittorie per KO?

“Sono un fighter completo. Dovunque finisca il match, sarò io a terminarlo. Il mio coach mi allena sotto ogni punto di vista.”

Quello che è accaduto subito dopo che l’arbitro ha fermato la contesa è stato mal visto da molti. Fabio De Luca si è però mostrato calmo e umile nonostante la sconfitta, mentre Nicolò Solli (che era al commento), non ha affatto apprezzato questo gesto di cui poi hai ammesso lo sbaglio. Quando lo hai salutato prima che finisse la messa in onda, sembrava che non volesse ricambiare. Che parere hai al riguardo?

“Volevo solo rialzarmi per festeggiare, nessuna mancanza di rispetto per De Luca. Chi ha mancato di rispetto sono stati i coach del mio avversario che non ci hanno salutato.”

Wisem Hammami è stato l’unico nel corso della serata ad aver rilasciato delle parole dopo la sua vittoria. In quel momento, egli ha fatto un breve appello alla UFC chiamando la piena attenzione sui partecipanti dell’evento, tra cui lui. Pensi di essersi fatto notare dalla promotion con la tua vittoria su De Luca? Se no, in che modo vorresti farlo?

“Penso che la UFC mi abbia visto. Se non lo ha fatto, lo farà . Mi vedrete in UFC tra due anni.”

The Golden Cage ha incoronato durate l’evento i suoi primi due campioni. Sarebbe curioso vederti in azione in uno dei tuoi prossimi incontri con un ipotetico TGC Bantamweight Title in palio. In casi come questi, c’è un fighter italiano o europeo che vorresti affrontare in una situazione del genere?

“Sono pronto per la cintura, anche se non è il mio vero obbiettivo. Mi interessa solo dimostrare che sono il migliore, portando onore al mio clan e alla mia famiglia. Non mi interessa affrontare qualcuno in particolare; chiunque egli sarà, lo batterò.”

Ringraziamo Mohammed Walid per averci concesso un po’ del suo tempo e il suo coach per aver tradotto le sue risposte e ci congratuliamo nuovamente per la sua vittoria contro Fabio De Luca a The Golden Cage 3.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI

Mohammed Walid: intervista dopo la vittoria a The Golden Cage 3 Mohammed Walid: intervista dopo la vittoria a The Golden Cage 3

Ti potrebbero interessare

Rispondi