Joanna Jedrzejczyk: "cieca da un occhio per due giorni dopo UFC 248"
Joanna Jedrzejczyk: "cieca da un occhio per due giorni dopo UFC 248"

Nessun danno rilevante per Joanna Jedrzejczyk

Dimessa anche la campionessa Weili Zhang

Alzino la mano coloro che han temuto gravi danni alla visione della fronte di Joanna Jedrzejczyk. L’ematoma gigante della fighter polacca ha reso spaventoso e simile ad un trucco degno dei migliori film di George Romero il volto della sfidante al titolo, uscita sconfitta per split decision dalla battaglia di Las Vegas.

Sconfitta onorevole per Joanna Jedrzejczyk

Una battaglia epica, simile al leggendario confronto che vide Robbie Lawler opposto a Rory MacDonald, con “Magnum” Weili Zhang uscita vittoriosa. Ma anche il viso della campionessa dei pesi paglia è uscito segnato, a causa del volume incessante di colpi inferti all’ex campionessa. Maggiori, e decisamente più potenti, sono stati i colpi al volto della Jedrzejczyk, che a differenza della 30enne cinese ha colpito maggiormente il corpo e le gambe. In molti han temuto danni rilevanti, con il recente specchio delle lesioni riportate da Karolina Kowalkiewicz, che settimana scorsa ha riportato la frattura dell’osso orbitale e nel video postato su instagram ha palesato difficoltà di movimento dell’occhio sinistro. Ma come riportato dal manager della Zhang, Brian Butler, la campionessa è stata dimessa dall’ospedale senza infortuni significanti; stessa sorte per Joanna Jedrzejczyk, sebbene è probabile che entrambe le atlete riceveranno lo stop da parte della NSAC (Commissione Atletica del Nevada) a causa dei 400 colpi inferti da entrambe le lottatrici in quella che ha il sapore di essere un capitolo non destinato a chiudersi con la guerra di sabato notte.

Altre storie
Colby Covington minaccia Drew McIntyre: Gli strapperò l'anima dal corpo
Colby Covington minaccia Drew McIntyre: Gli strapperò l’anima dal corpo
Torna Su