Scintille al peso di Anthony Joshua vs Kubrat Pulev
Scintille al peso di Anthony Joshua vs Kubrat Pulev

Scintille al peso di Anthony Joshua vs Kubrat Pulev

Rischio di collisione anticipata tra i pugili che hanno fatto volare parole grosse al peso pre-match

Anthony Joshua è già entrato in modalità da combattimento e la reazione alle provocazioni del bulgaro fa già presagire un grande spettacolo per questa sera.

L’episodio al weigh-in

Per via dell’inglese, a dire la verità un po’ stentato, di Pulev e del commento di Carl Froch per Sky Sport Inghilterra, non si è capito molto di cosa gli abbia detto effettivamente, ma quello che è sicuro è che qualcosa è scattato tanto che i due sono quasi venuti alle mani.

Entrambi I pugili hanno registrato un peso attorno alle 240 libbre (più o meno 108 kg), poco di più rispetto al peso registrato da Anthony Joshua prima del suo rematch in Arabia Saudita con Andy Ruiz Jr. In molti hanno visto in questo dato un indizio di una buona condizione fisica per entrambi che potrà far durare lo show un po’ più a lungo dei primi rounds.

Come dimostrato nella sua ultima apparizione dello scorso anno, l’inglese è in grado anche di saper andare alla lunga distanza senza prendere troppi rischi e questo potrebbe essere il caso, ma con i pesi massimi meglio non fare troppe elucubrazioni.

La concentrazione di Anthony Joshua

Già dal media workout (in realtà non svolto) il campione inglese è apparso iper concentrato per questo match. Molti hanno provato a dare un’interpretazione all’atteggiamento del pugile di origini nigeriane, alcuni hanno riconosciuto la causa del nervosismo in una mancanza di sicurezza nei propri mezzi dovuta alle crepe che hanno pervaso la sua psiche dopo la sconfitta con Andy Ruiz Jr, altri, invece, hanno dato la spiegazione opposta riconoscendo in questa iper concentrazione e aggressività una nuova maturità raggiunta da Joshua dopo la sua prima sconfitta.

Risorgere dalle ceneri gli ha dato nuova linfa, ma allo stesso tempo bere il calice amaro gli ha fatto capire che ogni minima distrazione a questi livelli possa essere fatale, e per questo anche con un pugile come Pulev, apparentemente molto sfavorito, non vuole fare nessuno sconto.

Quello che è sicuro è che, con l’ombra lunga Tyson Fury che incombe, c’è un’enorme pressione sulle spalle dell’inglese. Ora starà a lui far vedere che uso saprà farne, se trasformarla come solo i grandi sanno fare in motivazione extra o se lasciarla impossessarsi delle sue insicurezze e farlo implodere mentalmente.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI

Altre storie
Brandon Moreno sconfigge Deiveson Figueiredo e diventa campione ad UFC 263
Brandon Moreno sconfigge Deiveson Figueiredo e diventa campione ad UFC 263
Torna Su