Anthony Joshua vs Tyson Fury: Singapore possibile location per il match
Anthony Joshua vs Tyson Fury: Singapore possibile location per il match

Anthony Joshua vs Tyson Fury: Singapore possibile location per il match

Nelle scorse ore Singapore è entrata in ballottaggio tra le possibili destinazioni per il match del secolo

Anthony Joshua vs Tyson Fury fin da principio ha assunto le fattezze di un evento destinato a scrivere la storia della boxe e dello sport in generale. Però i diamanti costano, si sa. La macchina mediatica e organizzativa dietro un incontro del genere è enorme e a questo vanno sommate le borse stellari richieste dai due pesi massimi per il match di unificazione.

Ascolta “TSOW TG 09/01/21 – BULLET CLUB: la questione si fa sempre più incandescente” su Spreaker.

Tanti, maledetti e subito

Questa la ricetta lineare del promoter di Anthony Joshua, Eddie Hearn. Il boss di Matchroom ha già dimostrato con Joshua Vs Ruiz II di non essere molto incline a romanticismi patriottici, ma di preferire mete ricchissime ed “esotiche” per i suoi grandi eventi.

Con la situazione economico/politica attuale (emergenza sanitaria COVID inclusa), poi, c’è ancora più disperato bisogno bisogno di liquidità e snellezza burocratica per realizzare nel breve un mega-evento. Per questo motivo in ballottaggio ad oggi ci sono: Singapore, Medio Oriente (Qatar o Arabia Saudita) e Cina.

Le parole di Hearn sembrano confermare in modo inequivoco questa tesi.

“Anche prima della situazione attuale non c’era la garanzia di fare il match in Inghilterra perché ad oggi è molto improbabile pensare di ottenere il permesso per fare un evento da 90mila persone a Wembley. E’ quindi molto più logico che si faccia all’estero. Al momento l’ultima cosa da definire è la divisione delle borse, ma dovremmo esserci”.

Vagonate di soldi per Anthony Joshua e Tyson Fury

Come anticipavamo, i due re dei pesi massimi non sono stati parchi nelle richieste. Al momento si parla di più di 100 milioni di sterline a testa. Per la divisione, invece, 50/50 per il primo match e 60 (per il vincitore del primo match)/40 per il rematch sembrano essere gli accordi raggiunti ad oggi.

Insomma una pioggia di banconote che, senza la possibilità di aprire i cancelli al pubblico, sembra più probabile che vengano pagate con l’aiutino di qualche Stato in cerca di promuovere la propria immagine sportiva e con risorse finanziarie astronomiche alle spalle.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI

Altre storie
Conor McGregor allo stop medico per 6 mesi
Conor McGregor allo stop medico per 6 mesi
Torna Su