Home MMA Tyron Woodley entrato in depressione dopo la sconfitta contro Kamaru Usman

Tyron Woodley entrato in depressione dopo la sconfitta contro Kamaru Usman

di Manuel Donzelli

Tyron Woodley dopo un digiuno lontano dall’ottagono durato più di un anno, questo sabato tornerà a combattere e sarà protagonista del main event della UFC Fight Night che sancisce il ritorno della promotion di Dana White a Las Vegas. Attualmente The Chosen One è il numero uno dei pesi medi e sul suo cammino per tornare campione di categoria, questo sabato, incrocerà il numero sei del ranking ovvero Gilbert Burns. Nella consueta “Media DayTyron Woodley ha rivelato di essere entrato in depressione dopo la sconfitta che di fatto lo detronizzò dai welterweight nel marzo 2019 contro l’attuale campione Kamaru Usman.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store e iscrivendoti al nostro canale Telegram!

Le parole di Tyron Woodley durante il “Media Day”

Tyron Woodley si sentiva sicuro di essere sulla buona strada per acquisire uno status leggendario dopo aver conquistato la cintura dei pesi welter nel 2016 e averla difesa con successo per ben tre volte. Ma dopo essere incappato nella sconfitta, che mancava dal 2014, nella notte di UFC 235 (marzo 2019) contro Kamaru Usman per decisione unanime, The Chosen One oltre che perdere lo status di miglior fighter delle 170 libbre, perse una cosa ancor più importante: la fiducia in sé stesso e delle proprie capacità.

Dopo la sconfitta sono entrato in depressione per un po’. Non parlavo con molte persone, mangiavo male e non mi allenavo. Sentivo che tutti gli incontri che avevo fatto prima di Kamaru Usman fossero i match più duri. Sentivo che tutti i grandi pesi welter che avevo battuto prima di allora fossero stati i miei avversari più tosti. Non ho preso nessuno alla leggera. Non pensavo che sarebbe stata facile, ma sentivo di aver pianificato così bene quei cinque round. La mia tattica, la mia strategia, i miei studi, i miei allenatori, la mia squadra, sentivo come se avessi tutto per poter essere in grado di vincere, quindi dovevo davvero affrontarlo e ci è voluto più tempo di qualsiasi altro match della mia carriera. 

È difficile da elaborare. Devi essere un fighter per capire. Ogni fighter ha avuto quei match in cui non si sentono nel proprio corpo. È molto difficile da spiegare. Sono preparato, concentrato e pronto a combattere. 

Ho dovuto affrontare il fatto di aver perso la cintura. Non mi aspettavo che potesse accadere. Mi aspettavo di ritirarmi come campione UFC dopo aver cercato di inseguire il record di Georges St-Pierre

Una sconfitta mi ha fatto sempre oscillare. Ma questa volta è diverso perché ho fatto un cambiamento radicale del mio stile di vita, del mio modo di approciarmi al fight game e di come sono realmente concentrato come quando il giovane e dilettante Tyron provava a diventare un professionista e combattere in UFC, che voleva diventare un campione ed essere il più forte. 

Ora sono il Tyron Woodley che i fighters dovrebbero temere e che i fan dovrebbero essere impazienti di veder combattere.

Tyron Woodley entrato in depressione dopo la sconfitta contro Kamaru Usman Tyron Woodley entrato in depressione dopo la sconfitta contro Kamaru Usman

Ti potrebbero interessare

Rispondi