Tyson Fury: "I titoli IBF, WBA e WBO non appartengono a Anthony Joshua"
Tyson Fury: "I titoli IBF, WBA e WBO non appartengono a Anthony Joshua"

Tyson Fury : “I titoli IBF, WBA e WBO non appartengono a Anthony Joshua”

Il campione ospite ad una trasmissione televisiva parla di Joshua e Wilder

Tyson Fury, con la conquista del titolo mondiale WBC dei pesi massimi grazie ad uno straordinario match contro Deontay Wilder, terminato con la vittoria per KO alla settima ripresa è in questo momento sulla bocca di tutti. Ieri, ospite insieme alla moglie dello show televisivo “The Morning“, oltre che parlare della sua recente vittoria, si è voluto soffermare sulla propria idea che i titoli IBF, WBA e WBO non appartengano realmente a Anthony Joshua.

Le dichiarazioni su Anthony Joshua

Nel corso del programma, Tyson Fury ha dichiarato che i titoli di Anthony Joshua non gli appartengano realmente, poiché non li ha conquistati vincendo contro il predecessore, ovvero lo stesso Fury. Ed è per questo che il “Gypsy King” ritiene di essere ancora il campione IBF / WBA / WBO nonostante le cinture furono tolte per il periodo di inattività durato 3 anni.

“Sono già stato l’indiscusso campione mondiale dei pesi massimi quando ho battuto Wladimir Klitschko e avevo tutte le cinture. Per quanto mi riguarda, Anthony Joshua ha solo i miei avanzi perché non ho mai perso quelle cinture. Ho dovuto lasciarli vacanti per i miei problemi di salute mentale.”

“Sì, sono le mie cinture. Fino a quando un uomo non viene battuto all’interno del ring, come puoi dire di essere un campione? Ho battuto il campione dominante della nostra era con 26 difese del titolo. Sono andato in Germania per farlo, e poi sono andato in America e ho battuto  Deontay Wilder, che nessuno voleva combattere.”

Le dichiarazioni sulla giustificazione di Deontay Wilder

“Deontay Wilder dice di allenarsi ogni giorno con un giubbotto pesante 45 libbre. Posso capirlo perché nella mente di ogni combattente deve esserci sempre una ragione del perché hai perso perso.”

“Non può mai essere semplicemente ‘non sono stato abbastanza bravo. Ho perso contro il migliore. Deve esserci sempre una scusa come ‘ Il conteggio era sbagliato, era colpa dell’allenatore, era il mio dito del piede’. La colpa è sempre di qualcosa”.

Altre storie
Amanda Nunes rivela di aver avuto sintomi da COVID-19
Amanda Nunes rivela di aver avuto sintomi da COVID-19
Torna Su