UFC 249: Ferguson vs Gaethje preview
UFC 249: Ferguson vs Gaethje preview

UFC 249: Ferguson vs Gaethje preview

UFC 249: Ferguson vs Gaethje per il titolo ad interim dei pesi leggeri

UFC 249: Ferguson Vs Gaethje si accendono le luci su Jacksonville Florida, teatro del ritorno della UFC, che grazie alla tenacia ed alla visione del presidente Dana White torna, organizzando tre eventi nell’arco di una settimana, a cominciare dalla card stellare che ci attende sabato notte. Andiamo ad analizzare gli incontri più importanti della preliminary card.

Se volete un ulteriore parere su ciò che ci attende sabato ad UFC 249, QUI potete trovare la puntata del nostro podcast, The Real FIGHT Talk Show

Preliminary Card: il ritorno di Werdum, spettacolo Cerrone – Pettis

Fabricio Werdum (23-8-1) ritorna nell’ottagono a due anni di distanza dalla sconfitta contro il russo Volkov. Per il suo ritorno “Vai Cavalo” troverà un altro russo lungo il suo cammino: “The Boa Constrictor” Alexey Oleynik (58-13-1), artista delle sottomissioni capace di vincere ben 46 incontri per sottomissione. Vicente Luque (17-7-1) torna a combattere dopo lo stop contro “Wonderboy” Stephen Thompson; ad aspettarlo (con il dente avvelenato) ci sarà Niko Price (14-3), che arriva dallo spettacolare upkick vincente contro James Vick e che è desideroso di vendicare la sconfitta contro “The Silent Assassin” nel 2017, con il brasiliano che si impose con una brabo-choke. Uriah Hall (15-9) cerca la terza vittoria consecutiva contro un Ronaldo Souza (26-8) che torna nei medi dopo l’infelice parentesi nei massimi leggeri (sconfitta per split decision contro Blachowicz). Probabile ultima chiamata per “Jacarè” , ormai prossimo alle 41 primavere. L’evento principale della undercard vedrà opposti Donald “Cowboy” Cerrone (36-14-1) ed Anthony “Showtime” Pettis (22-10). Due fighters in cerca del cambio di rotta, che già si sono scontrati nel 2013 (vittoria di Pettis per KO al 1°round). Cerrone viene da 3 sconfitte consecutive contro fighters della top 5 nei pesi leggeri (McGregor, Gaethje e Ferguson). Pettis ha perso il suo ultimo match per sottomissione ad UFC 246 contro Ferreira. Si preannuncia un match spettacolare tra due atleti completi, capaci di colpi spettacolari in fase di striking mescolati ad ottime fasi di submission

Greg Hardy Vs Yorgan De Castro

Parafrasando il vecchio slogan della Pirelli “La potenza è nulla senza controllo” Greg Hardy (5-2-1) si trova ad affrontare l’imbattuto capoverdiano Yorgan De Castro (6-0) con un bilancio in UFC di 2 vittorie, 2 sconfitte ed  1 no contest. L’ex giocatore della NFL si trova già ad un bivio, chiamato ad un risultato positivo che mostri agli addetti del settore che il suo hype non è caratterizzato solamente dal suo passato turbolento. Dall’altra parte De Castro, che nel suo match di debutto ha steso Justin Tafa ad UFC 243 ed è chiamato ad una nuova affermazione per proseguire la striscia consecutiva alimentando così i suoi sogni di gloria.

Jeremy Stephens Vs Calvin Kattar

La carriera di Jeremy Stephens (28-17) appare essere in caduta libera. Per  “Lil’ Heaten  l’ultima vittoria risale a più di 2 anni fa, quando battè Josh Emmett per KO al secondo round. Da quel momento sono arrivate 3 sconfitte, seppur contro avversari forti (Aldo, Rodriguez e Magomedsharipov) oltre ad un no contest contro “El Pantera”.  Il fighter dell’Iowa, 34 anni il prossimo 26 maggio, è alla ricerca disperata di una vittoria ma per ottenerla dovrà superare Calvin Kattar (20-4). “The Boston Finisher” è un fighter ostico, dotato di un ottimo striking oltre ad essere una cintura blu di BJJ. Viene da una sconfitta contro il russo Zabit Magomedsharipov ed è in cerca di continuità di rendimento (2 vittorie e 2 sconfitte negli ultimi 4 incontri)

Francis Ngannou Vs Jairzinho Rozenstruik

E’ comprensibile capire la grandezza di questa card nel momento in cui vedi un potenziale main event “relegato” a terzo match. Francis Ngannou (14-3) punta alla quarta vittoria consecutiva come pietra ultima da posare per quella che potrebbe essere una meritata title shot, in attesa di capire cosa ne sarà della trilogia Miocic – Cormier. Per fare in modo che ciò avvenga “The Predator” è chiamato all’esame Jairzinho Rozenstruik, imbattuto (10-0) e pericoloso outsider, che nel suo ultimo match ha abbattuto Alistair Overeem in chiusura di match. Il classico incontro con probabile chiusura al primo round, che definirà il prossimo contendente al titolo.

Henry Cejudo Vs Dominick Cruz

A volte ritornano. E’ il titolo che risulta più facile associare a “The Dominator” Dominick Cruz (22-2). Il fighter californiano torna nell’ottagono a distanza di quasi 4 anni dal suo ultimo match, dove il 34enne fu vittima dell’upset firmato Cody Garbrandt. Da quel momento, tra infortuni e commenti tecnici Cruz non è più tornato nell’ottagono. La pandemia ed i problemi burocratici di Josè Aldo han favorito a sorpresa il rientro in un match titolato. L’impresa è di quelle titaniche e ha un nome ed un cognome: Henry Cejudo  “Triple C”, medaglia d’oro nella lotta libera a Pechino e double champ. Cejudo parte con i favori dei pronostici,  ma la mente del fan UFC ricorda un altro fighter che da rientrante compì un clamoroso upset: GSP. Il paragone è probante, ma “everything can happen”…

Tony Ferguson Vs Justin Gaethje

Il main event di UFC 249 offre un match stilisticamente interessante. Tony Ferguson (25-3) sfida Justin Gaethje (21-2) per il titolo ad interim, istituito a causa dell’impossibilità del campione in carica, Khabib Nurmagomedov, di uscire dai confini russi ed ora alle prese col Ramadan. Tony Ferguson, all’età di 36 anni, ha la chance di diventare per la seconda volta campione dei pesi leggeri ad interim. Si presenta con una striscia di 12 vittorie consecutive ed un camp partito nel mese di dicembre. Justin Gaethje invece ha deciso di salire sul treno in corsa in short notice, con una preparazione probabilmente non adeguata ma con la capacità di spegnere la luce in qualsiasi momento, forte di uno striking eccelso e potente. Ma contro Tony Ferguson è sempre opportuno non distrarsi. “El Cucuy” è dotato di uno striking frutto di più stili mescolati, dal wing chun nelle corte distanze fino alla kickboxing arrivando ad un bjj stellare che gli consente di creare situazioni di sottomissione in qualsiasi momento. Per Ferguson sarà fondamentale l’approccio (a volte imperfetto) al match,fondamentale contro un fighter come Gaethje che vanta molte finalizzazioni al primo round.

Altre storie
UFC 250 streaming e dove vederlo: Nunes vs Spencer
UFC 250 streaming e dove vederlo: Nunes vs Spencer
Torna Su