UFC 249: Perché Justin Gaethje ha accettato il match con Ferguson
UFC 249: Perché Justin Gaethje ha accettato il match con Ferguson

UFC 249: Perché Justin Gaethje ha accettato il match con Ferguson

The Highlight spiega i motivi della scelta a TMZ Sports

Settimana scorsa, dopo la notizia del ritiro di Khabib Nurmagomedov dal main event di UFC 249, Justin Gaethje era considerato il candidato numero uno per affrontare Tony Ferguson. I rumors sono stati confermati ieri, sia dal fighter che dalla federazione, i quali hanno annunciato che il match sarà valido per la cintura dei pesi leggeri ad interim (QUI la notizia ufficiale). Nella giornata di oggi, The Highlight ha raccontato a TMZ Sports i motivi che lo hanno spinto ad accettare un match in short notice sebbene il suo Team fosse contrario.

Justin Gaethje: “Adoro affrontare le avversità”

Non ci sono mai state così tante incognite, tanto meno le incognite di cui ci stiamo occupando in questo momento. È davvero un momento terrificante e voglio parlare del match. So cosa sto affrontando. Tony si è preparato per Khabib Nurmagomedov, per un titolo mondiale, negli ultimi tre, quattro, cinque mesi. Non so per quanto. Non importa. Ma è perfetto, perché penso sempre che gli avversari stanno lavorando di più, che sono migliori di me, che sono più fortunati di me, ma adoro affrontare le avversità. Sto affrontando le mie paure in questo momento. Questo è ciò che dobbiamo fare tutti.

Non ho mai combattuto con così poco preavviso. Nemmeno mi è mai stato offerto un titolo UFC e questa è l’unica cosa per cui sto lavorando. È tutto ciò per cui ho lavorato fin dall’inizio, quindi sono pronto a rischiare. Ci sono pochissime persone sulla terra che firmerebbero per quello che io e Tony abbiamo appena firmato, inclusa la maggior parte dei fighters. Molti ragazzi diranno che sono pronti ma non metteranno il loro nome sulla linea tratteggiata.

Mi hanno chiamato, e il mio coach ha detto “Non devi accettare un match come sostituto con così poco preavviso“. Gli ho risposto: “Hai ragione, dormiamoci sopra“. La mattina seguente ho detto “Se perdo, a che punto siamo? Per me, nello stesso punto in cui mi trovo ora.”

 

Il match tra Ferguson e Gaethje si svolgerà il 18 aprile su un’isola privata (Leggi QUI)

 

 

 

Altre storie
Jon Jones al servizio della comunità di Albuquerque
Jon Jones al servizio della comunità di Albuquerque
Torna Su