Home UFC UFC 266: Volkanovski Vs Ortega anteprima

UFC 266: Volkanovski Vs Ortega anteprima

di Mirko Orlato

UFC 266: Volkanovski Vs Ortega è un evento numerato che si terrà questo weekend alla T-Mobile Arena di Las Vegas, Nevada. Per l’occasione, la promotion di Dana White offre una card interessante, con fighter imbattuti, un match dal sapore vintage e due match titolati.

Locandina ufficiale di UFC 266

Locandina ufficiale di UFC 266

UFC 266 Preliminary Card – Prospect alla riscossa…

La preliminary card di UFC 266 vedrà molti fighter in rampa di lancio nel prestigioso ottagono della UFC alla ricerca delle luci della ribalta.

Nick Maximov (6-0) aveva 7 anni quando il suo protegè Nick Diaz combattè la prima volta contro Robbie Lawler in quel di UFC 47. Il 23enne peso medio debutta questo weekend in UFC sfidando Cody Brundage (6-1). Entrambi hanno militato in LFA. Il record del fighter del Michigan è “sporcato” dalla sconfitta dell’anno scorso alle “Dana White’s contender series”, subendo un KO al primo round contro William Knight.

Uros Medic (7-0) ha debuttato in UFC stendendo il malcapitato Aalon Cruz dopo 1.40 del primo round. Biglietto da visita notevole per l’atleta della Kings MMA. I vertici della promotion di Dana White hanno ben accolto l’approdo del nativo serbo e han deciso di alzare l’asticella.
L’avversario di “The Doctor” sarà Jalin Turner (10-5) in uno scontro tra fighter dal KO facile. Infine occhi
puntati sulla brasiliana Taila Santos (17-1), che al netto dello scivolone contro la nostra Mara Romero Borella ha successivamente ripreso con successo la scalata alla vetta, e questo weekend a UFC 266 cercherà la terza vittoria consecutiva contro la veterana Roxanne Modafferi (25-18).

E’ una finta preliminary card…

Ci saranno dei match molto interessanti che testimoniano come ormai sia difficile fare una distinzione tra main card e preliminary card.

Dopo mille peripezie e dinamiche degne dell’Odissea di Omero, Dan Hooker (20-10) e Nasrat Haqparast (13-3) combatteranno. “The Hangman” è in cerca di una vittoria scaccia crisi dopo la cocente sconfitta per KO al primo round contro Michael Chandler ad UFC 257 e la decisione unanime che premiò Dustin Poirier a giugno 2020 in uno dei match più belli dell’anno scorso.
Nasrat Haqparast è avversario da non sottovalutare. Il 26enne sosia di Kelvin Gastelum ha un ottimo KO power che gli ha permesso di vincere nove incontri per finalizzazione.

Nei pesi massimi occhi puntati su Chris Daukaus (11-3). Il 31enne di Philadelphia viene da quattro vittorie consecutive. Tre di queste in UFC e l’ultima, di maggior prestigio, contro il veterano Alexey Oleynik. A sbarrare la strada che porta alla top 10 ci sarà Shamil Abdurakhimov (20-5). Il dagestano non combatte da due anni esatti. Nell’ultimo incontro rimediò un pesante KO al secondo round per mano di Curtis Blaydes ad UFC 242.

A chiudere una preliminary card scoppiettante scontro dall’esito incerto tra Marlon Moraes (23-8) e Merab Dvalishvili (13-4). Il brasiliano ha incassato due pesanti sconfitte per KO contro Sandhagen e Rob Font, perdendo terreno nel ranking laddove fino a due anni risultava essere il contendente numero uno al titolo allora detenuto da Cejudo.
La macchina georgiana ha un rendimento opposto a “Magic”. Cinque vittorie consecutive ed un grappling potente fanno di Dvalishvili un serio contendente in una categoria florida di talenti. Una sconfitta per Moraes domani sera a UFC 266 potrebbe fargli attribuire lo status di “gatekeeper” considerando l’undicesima posizione occupata attualmente dall’avversario.

Jessica Andrade in cerca di riscatto

Ad inaugurare la main card di UFC 266 ci sarà il match valido per la categoria dei pesi mosca femminili.
Jessica Andrade (20-9) vuole riscattare la sconfitta netta nel match titolato contro Valentina Shevchenko ad UFC 261. La brasiliana ha perso tre degli ultimi quattro match seppur contro grandi avversarie come la summenzionata campionessa dei pesi mosca, Rose Namajunas e Weili Zhang.

Cynthia Calvillo (9-2-1) è un rebus di difficile risoluzione. La 34enne americana non è mai stata finalizzata, le uniche due atlete ad ottenerne lo scalpo sono state la Chookagian e Carla Esparza.
Le skills nella fase lottatoria ed una potenza nei colpi notevole per la categoria potrebbero essere sufficienti alla Andrade per uscire vincitrice dalla contesa.

Blaydes Vs Rozenstruik: sfida tra massimi “umani”

Il secondo match della main card di UFC 266 è nella categoria dei pesi massimi. Curtis Blaydes (14-3) in carriera è stato sconfitto da due striker del calibro di Francis Ngannou e Derrick Lewis. Il suo grappling e la potenza (dettaglio basico nella categoria) non sono stati sufficienti ad arginare la potenza degli avversari. Motivo per il quale “The Razor” dovrà fare attenzione a Jairzinho Rozenstruik (12-2).

“Bigi Boy” nel suo arsenale vanta colpi pesantissimi frutto del suo passato da kickboxer. E’ anche vero che Blaydes ha comunque combattuto e sconfitto fighter similari nelle caratteristiche come Overeem e Dos Santos, anche se entrambi erano già sul viale del tramonto.

Difficile comprendere quale sarà il ruolo del vincitore della contesa di UFC 266, considerando il match per l’unificazione del titolo tra Ngannou e Gane con alle spalle l’ex detentore Stipe Miocic e l’ormai prossimo al debutto Jon Jones.

Nick Diaz Vs Robbie Lawler: match vintage

Sono passati diciassette anni da quando Nick Diaz (26-9) e Robbie Lawler (28-15) si scontrarono ad UFC 47.
Allora fu il maggiore dei Diaz Brothers a portare a casa la contesa ad 1.31 del secondo round.

Nel frattempo, Diaz è stato campione Strikeforce e WEC nonché contendente al titolo UFC. Lawler è stato campione dei pesi welter dal 2014 al 2016, combattendo match epici contro Rory MacDonald e cedendo lo scettro a Tyron Woodley.

A distanza di sei anni dall’ultimo match (contro Anderson Silva), Diaz torna nell’ottagono per concedere la rivincita ad un “Ruthless” sul viale del tramonto e reduce da quattro sconfitte consecutive.

Lauren Murphy alla ricerca dell’upset

Lauren Murphy (15-4) a caccia del titolo dei pesi mosca. La 38enne americana, dopo cinque vittorie
consecutive, raggiunge l’agognata chance al titolo dove proverà a detronizzare Valentina Shevchenko (21-3).

“Bullet” ha dato dimostrazione di essere una fighter completa, capace di infliggere danni tanto in piedi quanto per terra. L’ennesima dimostrazione della sua completezza è arrivata ad UFC 261 quando la 33enne ha settato una posizione di crucifix ai danni di Jessica Andrade infliggendo alla brasiliana danni pesantissimi che han costretto Miragliotta a chiudere la contesa.

La Murphy dal canto suo non è mai stata finalizzata ed in piedi sa farsi valere. Resta da vedere se le sue skills pugilistiche saranno sufficienti per l’upset dell’anno.

Alexander “The Great” pronto a sconfiggere Brian Ortega a UFC 266

Nel main event di UFC 266, Alexander Volkanovski (22-1) difenderà il titolo dei pesi piuma dall’assalto di Brian Ortega (15-1).

Seconda difesa per il campione che, dopo aver sconfitto due volte Max Holloway, è pronto a respingere “T-City”. Ortega nel suo ultimo match contro “The Korean Zombie” ha vinto e convinto dominando in entrambe le fasi contenendo lo striking pericoloso del coreano.

La terribile sconfitta del 2018 contro “Blessed” sembra archiviata e lo stile poliedrico del classe ’91 potrebbe rappresentare un problema per il 32enne di origini macedoni, che per il suo imminente compleanno (29 settembre) proverà a regalarsi la vittoria in attesa di capire se ci sarà la trilogia contro Holloway.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI

UFC 266: Volkanovski Vs Ortega anteprima UFC 266: Volkanovski Vs Ortega anteprima

Ti potrebbero interessare

Rispondi