UFC e Ali Act: apertura possibile?

UFC e Ali Act: apertura possibile?

Dagli USA arrivano voci che paventano la possibilità dell’applicazione della normativa dell’Ali Act alle MMA, e quindi alla UFC

UFC e lo sviluppo delle MMA sono di sicuro uno dei fenomeni sportivi più interessanti degli ultimi due decenni.

Partite da sport di nicchia con una cattiva reputazione e relegate nelle retrovie dei palinsesti, le MMA, grazie alla straordinaria abilità manageriale dei loro padri fondatori, si trovano oggi ad essere un vero e proprio fenomeno di massa.

Le ragioni dell’incredibile successo sono molteplici e difficili da elencare tutte, ma, tra queste, sicuramente è possibile individuare quella di agire in un contesto normativo “favorevole”. Il vantaggio e il rischio di essere dei pionieri (e questo in qualsiasi attività) è appunto quello di esplorare per primi l’inesplorato. Traducendo tutto questo nell’ambito del diritto vuol dire posizionarsi in una zona normativa grigia e poter sfruttare a proprio vantaggio la mancata applicazione di normative previste per altri operatori potenzialmente concorrenti.

La boxe e l’Ali Act

Tra questi, ad esempio, possiamo annoverare la boxe. Fenomeno sportivo con una tradizione più antica rispetto alle MMA e per questo più rigidamente regolata.

La fonte principale (in ambito legislativo americano) da prendere come riferimento in questo senso è l’Ali Act (per esteso Muhammad Ali Boxing Reform Act).

Introdotto nel 2000 principalmente per

  • tutelare i diritti e il benessere dei pugili impedendo alcune pratiche commerciali coercitive e immorali
  • promuovere l’integrità dello sport e del settore,

Negli anni, seppur lungi dall’ottenere risultati ultra-soddisfacenti, ha favorito lo sviluppo di una maggiore trasparenza e imparzialità all’interno del mercato pugilistico a stelle e strisce.

L’Ali Act, le MMA e la UFC

Le premesse dell’Ali Act rintracciano come motivazione fondamentale di una disciplina a livello statale per la boxe, ma questo sport è privo di un’entità (Federazione o simile) imparziale che abbia l’autorità di fissare standard commerciali ed etici soddisfacenti.

In questo senso le MMA presentano un quadro ancora più frammentato e Dana White lo sa fin troppo bene. Il colosso nordamericano, infatti, in questo vuoto normativo si è imposto come “monopolista” nel mercato, diventando col tempo sinonimo stesso dello sport e facendo il bello e il cattivo tempo.

UFC, infatti, è una società privata e all’interno del proprio recinto regola ogni cosa: dai ranking alle linee guida contrattuali, custodendo gelosamente ricavi e dati finanziari.

Non è un caso che la proposta di estensione arrivi proprio da un ex fighter: il repubblicano membro del congresso Markwayne Mullin.

La posta in gioco è alta: un’estensione applicativa dell’Ali Act, infatti, vorrebbe dire tentare di sradicare politiche contrattuali basate sul concetto di “prendere o lasciare” portate avanti dalla UFC e costringere il colosso a una maggiore trasparenza sui propri ricavi.

Questo punto in particolare è una bomba ad orologeria: con le crescenti preoccupazioni circa i rischi mentali e fisici delle MMA e la messa a conoscenza dei propri atleti del reale impatto finanziario delle loro performance nell’ottagono, il rischio è quello di far drizzare le orecchie di molti atleti e manager pronti a bussare alla porta di Dana White per reclamare una fetta del suo impero.

La strada sembra ancora molto lunga e tortuosa, ma con l’uscita di scena di Donald Trump (vero e proprio hooligan e angelo protettore della UFC) i tempi potrebbero accorciarsi.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Rimani sempre aggiornato scaricando la nostra APP dal Play Store ed ascoltando il nostro podcast settimanale che puoi trovare cliccando QUI

Altre storie
Esports Boxing Club presentato in anteprima all’E3
Esports Boxing Club presentato in anteprima all’E3
Torna Su